Empatia e Fallimento Empatico

Inserito in Grazia Foti Articoli

Empatia
 

Empatia

 
 
L’ Empatia è una risorsa importante nell’ambito relazionale, che consente di entrare in connessione con l’altro, assumendone il punto di vista.
Ma saper entrare in Empatia con chi ci circonda, è impossibile se prima non si è entrati in empatia con se stessi.
Possedere Empatia significa essere in grado di comprendere i pensieri e gli stati d’animo di un’altra persona, ma sarebbe fuorviante se di fatto, non siamo centrati noi, attraverso un costante “ricordo di sè”.

 
 

Si chiama “fallimento empatico” e avviene molto spesso nel rapporto tra paziente e terapeuta, ma sovente il terapeuta identificato in un ruolo schematico non ne è consapevole.
Il terapeuta non si apre del tutto rimane protetto nella sua zona confort, il paziente lo percepisce ma può far poco nell’immediato .. e poi si ricorre agli psicofarmaci che mettono tutto a tacere.

L’empatia viene di norma, erosa dalle emozioni negative rancore rabbia mancanza di perdono, visione monitor della vita. Ma la domanda è.. se mi trovo in relazione con qualcuno cosa posso fare per aiutare l’altro e cosa posso fare per aiutare me stessa e noi.
 
 
Quando ci relazioniamo con un’anima karmica è facile entrare in relazione. Il feeling si instaura ben presto, sembra quasi di conoscersi da tempo ed è semplice confrontarsi, condividere, ed “entrare l’uno nel mondo dell’altro”.
Talvolta incontriamo persone con le quali percepiamo subito, quanto sia difficile entrare in relazione e che ci fanno vedere come uno specchio le nostre problematiche irrisolte e creare. Nonostante tutti i nostri sforzi, in questo secondo caso, sentiamo che qualcosa nella comunicazione non riesce a passare, e che i nostri mondi si muovono su due binari paralleli ma distanti.
 
 
A volte l’Empatia viene purtroppo utilizzata per manipolare. I manipolatori sono estremamente abili nell’entrare in empatia con tecniche come ad esempio la PNL, ma le persone centrate e sensibili si accorgono subito della finzione.

 
 

Come si fa ad “entrare in Empatia”?

Per riuscire ad entrare in Empatia, occorre partire da un presupposto molto importante: che anche se ognuno ha la propria unicità è possibile trovare un punto d’incontro. Poichè l’altro non è mai staccato da noi, ma fa parte della nostra coscienza.
Alcuni di noi sono troppo concentrati sui propri problemi non percepiscono l’altro come un essere umano, ma piuttosto come un oggetto.

Essere in empatia presuppone saper “leggere” noi stessi e l’altro. Empatia quindi significa anche rispettarsi e rispettare.
 
 
Anche se la solitudine spesso rappresenta una grande risorsa e in alcuni periodi dell’esistenza umana ha un suo perchè, rimane importante socializzare in maniera equilibrata e condividere esperienze.

L’arte di saper ascoltare e ascoltarsi..
In realtà è nell’atto dell’ascolto che risiede il vero potere empatico della comunicazione.
Perché, mentre si ascolta una persona si può peercepire emotivamente.
Un conto è sentire passivamente e diverso è saper ascoltare attivamente.
In ogni caso ricordiamo sempre che gli altri sono un nostro specchio, cioè rappresentano le nostre parti inconsce.

 
 
Grazia Foti
 
 

 
 
Ambiente Olistico staff
 

Empatia